Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.

Attività di ricerca

Attività principale del Centro è l'organizzazione del Master di secondo livello in Parlamento e politiche pubbliche” avviato nel 1987 dal prof. Paolo Ungari nella forma del “Corso di preparazione alle carriere delle assemblee legislative”. Successivamente il Corso (divenuto “Corso di perfezionamento in discipline parlamentari”) è stato diretto dal 1995 dal prof. Andrea Manzella e, dall’a.a. 2005-2006, con la denominazione di Master di primo livello “Parlamento e politiche pubbliche”, dalla prof.ssa Carmela Decaro. Dall’a.a. 2006-2007, sotto la direzione del prof. Nicola Lupo, il Master ha assunto la denominazione di Master di secondo livello in "Parlamento e politiche pubbliche".

Nel 2009 al prof. Andrea Manzella, Direttore del Centro, è stata attribuita dall’Education, Audiovisual and Culture Executive Agency della Commissione europea una Cattedra Jean Monnet ad personam sul tema “Il principio democratico nell’Unione europea”. Le attività della cattedra si sono svolte nell’ambito del Master di secondo livello in “Parlamento e politiche pubbliche”. Sulla base di questa esperienza, il Centro ha raccolto ulteriori finanziamenti europei che ne hanno animato le attività, quali:

  • "Parliamentary accountability and technical expertise: budgetary powers, information and communication technologies and elections", Jean Monnet Module 2016-2019 (resp. Cristina Fasone), che ora sostiene l'organizzazione della Summer School in "Parliamentary democracy in Europe";
  • "Understanding EU representative democracy", Jean Monnet Chair 2018-2021 (resp. Nicola Lupo).

Dal 2015 il Centro promuove EUPADRA, Joint Master Degree in Parliamentary procedures and Legislative Drafting, organizzato presso la School of Government e la School of Law e in consorzio con la Università Complutense di Madrid e lo Institute of Advanced Legal Studies della University of London, finanziato dal programma Erasmus+.

Il Centro ha inoltre partecipato ai seguenti programmi di ricerca:

  • “Struttura dello Stato, decentramento territoriale dei poteri e trasformazioni costituzionali: dalla devolution britannica ai processi di regionalizzazione in Italia e in alcuni Stati unitari europei” (PRIN 2004);
  • “Le Assemblee parlamentari come vie di comunicazione del costituzionalismo contemporaneo: sedi ed istituzioni del dialogo tra Parlamenti” (PRIN 2006), nell’ambito del progetto nazionale sul tema “Dalla circolazione dei modelli al dialogo tra sistemi giuridici: le "vie di comunicazione" del costituzionalismo contemporaneo”.
  • "La governance degli enti parco in Europa. Best practices ed elementi di criticità in Francia, Spagna, Gran Bretagna, Austria e Germania", finanziato dal Ministero per la tutela dell'ambiente del territorio e del Mare (2009);
  • EU-Oceania Social Science Inter Regional Consortium EUOSSIC, finanziato nell'ambito del programma Erasmus Mundus Key activity 1 (2009-2013).
  • Pademia, Parliamentary democracy in Europe, network composto da 56 istituzioni accademiche in 31 Paesi, finanziato per il periodo 2013-2016 dalla EACEA.

L'attività di ricerca del Centro si è sviluppata nell'ambito delle principali tematiche inerenti al diritto delle assemblee elettive, al diritto pubblico e al diritto comparato, già da tempo oggetto di riflessione scientifica da parte dei docenti e dei ricercatori del CESP. Un'attenzione particolare è stata riservata al processo di attuazione del Trattato di Lisbona e al nuovo Trattato sulla stabilità, sul coordinamento e sulla governance nell’Unione economica e monetaria, con specifico riferimento al ruolo del Parlamento europeo e dei parlamenti nazionali.

Inoltre, il Centro ha dato vita ad ulteriori iniziative di studio, anche a carattere seminariale, orientate all'approfondimento del c.d. “precedente parlamentare”, con ricerche di ampio respiro comparatistico, guardando sia al significato della “dottrina del precedente” nel diritto delle assemblee elettive, sia al ruolo del “precedente” stesso nella prassi dei processi decisionali dei parlamenti. 

Infine, nel 2012 è stata inaugurata una newsletter “CESP NEWS”, nella quale sono periodicamente segnalati le attività, le pubblicazioni, gli interventi, gli eventi che vedono coinvolti il Centro e i suoi membri.